a tema – meda

I)
Bene meda!
Molto bene!
Sa sorre fiat allabantzada meda ca fiat bella che unu ràiu de sole
La sorella veniva molto lodata perchè era bella come un raggio di sole
De comente isco deo cussu non depiat èssere cuaddu seliosu meda
A quanto ne so io quello non doveva essere un cavallo molto tranquillo
Casi ca sa die fiat frius meda mi ddoe seo acavannadu in una còrcia
Dal momento che quel giorno faceva molto freddo mi imbacuccai in una coperta pesante
II)
Sa gente cherent meda cosa frisca e s’àtera cosa si bendet prus pagu
La gente chiede solitamente qualcosa di fresco e il resto si vende meno
Babbu in cussu tempus fiat meda cuntentu
Il mio babbo a quell’epoca era spesso soddisfatto
Papaimus meda casu, de àere papadu pische in domo non tèngio regordu
Mangiavamo frequentemente formaggio, non ho memoria che in casa (mia) si sia (mai) mangiato del pesce
Sigomente seo meda malàidu seo timende calecuna die pro non mi nche bogare su mere
Siccome mi ammalo frequentemente ho paura che il principale mi licenzi, un giorno o l’altro



ghetu (modo, maniera) +

ghetu (sin.: bessu, manera)

a primu ghetu (it: a prima vista, da una prima occhiata)
custa a primu ghetu mi paret una pedra a fatze de maistru (a prima vista questa mi sembra una pietra con un lato liscio -ottima per la muratura esterna, ndr-)

de custu ghetu (it: da questo lato, da questo punto di vista)
si fùrrias sa chistione de custu ghetu tando nos podimus cumprèndere mègius (se poni la questione da questo punto di vista allora ci possiamo capire meglio)
 
àteros sinnificados: it: modo di comportarsi (buono)
es.: eh! ghetos! (it: che modi sono questi?)

custu traste non tenet ghetu (it: questo strumento non ha una funzione, non ha una forma utile)
 

appena, subito, a regola

Deretu

 
èssere deretu de… (it:è stato appena…)
es.: su pane est deretu de isforrare (il pane è appena sfornato)


a deretu (it: a regola d’arte)
es: at fatu cussu trabballu a deretu (ha svolto quel lavoro a regola d’arte)


in deretu(ra) (it: subito)
est coladu e nch’est mòvidu in deretura (è passato ma se ne è andato subito)


Potere, dovere (verbi servili)


 I)

Cuddu s’est fatu in antis su logu pro figiolos suos e immoe podet fàghere su chi dd’agradat. Si creet unu domineddeu…

Quello prima ha sistemato i suoi pupilli e ora può fare quello che gli va. Si sente un padreterno…

Sa die chi ddoe amus a pòdere andare nois puru, seo ispetende, deo

Io sono in attesa del giorno in cui potremo andarci anche noi

Issu est festulanu, giai dd’isco, ma depiat pensare prus po su dovere, no est a nàrrere!

Lui è festaiolo, lo so, ma dovrebbe pensare di più ai suoi doveri, altro che chiacchiere!

Immoe non balet a logu a fueddare, ddu depias àere nadu in antis

Adesso parlare non serve a niente, avresti dovuto dirlo prima

Podiant àere interpelladu a cussu, in caserma… No a mimi chi no ischia nudda

Avrebbero potuto interrogare quello lì, in caserma… Non me che non sapevo niente

II)

E proite dia fàghere cussu? Pro mi rìere su mundu a pitzus?

… E perché mai dovrei farlo? Perché tutti mi ridano dietro?

E puru e puru diat funtzionare

Eppure dovrebbe funzionare…

– Ite as a èssere pensende… – E ite dia pensare?

– A cosa starai pensando… – A cosa dovrei pensare?

E dd’ischis comente fiat? Tue giai ddu dias ischire

E sai com’era? Tu dovresti saperlo…

Proite no ddoe andant issos a ddu chistionare? Si ddu diant nàrrere issos, totu cantu…

Perché non ci vanno loro a parlargli? Potrebbero dirgli tutto loro…

Abisumeu chi si pagu pagu bolias nde dias tènnere in cantis, anda trancuillu

Secondo me se appena volessi potresti averne in abbondanza, vai tranquillo

Bufòngiu no ddoe diat èssere, sa die! Abba de funtana, incapat…

(antifr.) Doveva mancare il bere, quel giorno! L’acqua di pozzo, magari…

Sa còia… Fìamus andados a pede a crèsia, cumbidados dìamus èssere unos setanta

Il matrimonio… Andammo in chiesa a piedi, come invitati potevamo essere una settantina

Totu sa die per bia, pariat chi non dìamus lòmpere mai… Ma lòmpidos semus!

Tutto il giorno per strada, pareva che non dovessimo arrivare mai… Ma ce l’abbiamo fatta!

Ma a su mancu is parentes ddi diant àere iscutu calecuna cosa a conca!

Ma almeno i parenti gli avrebbero potuto lanciare qualcosa in testa!

Impressideddu fias, eris a note! Dias èssere abarradu ca nos semus istrusciados bene bene!

Che fretta hai avuto, ieri notte! Ti saresti potuto fermare: ci siamo divertiti per bene!

Per esempio, per dire


Po nàrrere, a modu de nàrrere, unu paragone, che s’uguale
Su butegheri ti naraiat a modu de nàrrere: “Dòighi francos”, e cussu fiat cantu e duos iscudos e bator petzas, po nàrrere
Il negoziante ti diceva ad esempio: “Dodici lire”, che valevano quanto due iscudos e quattro petzas, per dire
Immoe ddi bògio dare custu paragone, ca deo seo bìvidu in logos medas e apo tentu paragones medas de sa gente comente est
Ora voglio farle questo esempio, ché io sono vissuto in molti posti e ho avuto molti esempi di come è la gente
Immoe si t’incannugant chi t’ammancat sa molla de afirmare sa deguddu de sa tagiora ti ghetant a pagare ses chentos èuros… No? Unu paragone
Adesso se ti beccano che ti manca la molla per bloccare la comesichiama della carrucola ti fanno pagare seicento euro… No? (E’) un esempio…
Mi milindraiant meda, che s’uguale pro ònnia cumpleannu faghiant festa pro mimi e pro is àteros fradigheddos e sorrigheddas mai
Mi coccolavano molto, per esempio per il compleanno festeggiavano me e mai gli altri fratellini e sorelline
Che s’uguale cando fiat bènnidu pro mi bìere, fiat bènnidu cun s’iscusa de chircare is boes
Ad esempio quando venne a vedermi, venne con la scusa di stare cercando i buoi

A tema – si esseret in contu



Apèrgio e fiant cussos… Alleat chi apo tìmidu! Faches de cane! Si esseret in contu m’iscudent a un’oru e intrant a domo a iscurculiare
Apro (la porta) ed erano loro… Ho avuto paura! Facce di cane! Secondo come, mi sbattono da una parte e poi entrano in casa a frugare

Si esseret in contu de nos pòdere ricìere in domo nos dìamus istentare nessi fintzas a cras
… Se fosse possibile ospitarci in casa potremmo trattenerci almeno fino a domani

Fìamus prus notzentes, mischineddas… Dae chi intraiat babbu si esseret in contu nos setzìamus in unu logu, chietas, chi no esseres istrobbadu ca is magiores non permitiant comente est immoe
Eravamo più ingenue, poverine… Se capitava che entrasse babbo ci sedevamo tranquille da una parte in modo da non disturbare, ché i grandi non erano permissivi come oggi

– Fàmene tenes? – Mah, si esseret in contu e ddoe esseret pagu pagu de recatu…
– Hai fame? – Mah, se per caso ci fosse un po’ di cibo…


A tema – more/amore de domo



 […] Si su pane non bessit bellu comente depiat èssere, est ca su trigu no at pigadu amore de domo cantu depiat: non su fundu, su granu treuladu ca no est abarradu regortu pro unu tempus bastante e non s’est intostiadu bene, e insaras su pane non tenet cussu gustu
Se il pane non viene bene come avrebbe dovuto, è perché il grano non si è acclimatato come doveva: non la pianta (ma) i chicchi trebbiati, che non sono stati conservati per un tempo sufficiente e non si sono induriti bene, e allora il pane non ha quel sapore

Cussa tula de in cuddane dd’ais lassada pro pipiniera, seo bidende… E sunt andende bene is prantones puru, ant giai pigadu more de domo
Quell’aiola di là l’avete destinata a vivaio, vedo… E anche le piantine stanno procedendo bene, hanno già attecchito

… A tie ti bido chi as pigadu amore de domo, giai! Bufetende, seis? Bonu prou!
… Vedo che ti sei già messo a tuo agio! State sbevazzando? Prosit!